Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Partecipazione italiana a FILSA 2018 - Fiera Internazionale del Libro di Santiago

Data:

28/10/2018


Partecipazione italiana a FILSA 2018 - Fiera Internazionale del Libro di Santiago

Nei giorni 28 ottobre e 6-7 novembre 2018 l'Italia parteciperà a FILSA 2018, con gli scrittori Edoardo Albinati e Alberto Rollo.

 

filsa libri

 

Evento: Partecipazione italiana a FILSA 2018 - Fiera Internazionale del Libro di Santiago

Data: 28 ottobre e 6-7 novembre 2018

Luogo: Centro Cultural Estación Mapocho (Plaza de la Cultura s/n, Santiago)

 

 

Programma:

 

Domenica 28 ottobre, ore 17:00 - "Le parole inconfessabili / Las palabras inconfesables"

La scrittrice cilena Claudia Andrade intervista Edoardo Albinati (traduzione simultanea in spagnolo).

Sala Camilo Mori (Salone Internazionale del Libro Santiago - FILSA 2018).

albinati 11

 

Martedì 06 novembre, ore 19:00 - "Grandes maestros italianos de la creación literaria y de la industria editorial: Sereni, Fortini, Calvino"

Conferenza tenuta dallo scrittore Alberto Rollo.

Sala Acario Cotapos (Salone Internazionale del Libro Santiago - FILSA 2018)

rollo 6 nov

 

Mercoledì 07 novembre, ore 18:00 - “El juicio del cómplice: el trabajo discreto y tras bambalinas del editor

Conferenza tenuta dallo scrittore Alberto Rollo.

Sala Acario Cotapos (Salone Internazionale del Libro Santiago - FILSA 2018)

 rollo 7 nov

 

 

 

 

Sugli scrittori italiani:

 

EDOARDO ALBINATI

 

albinati copia

 

Edoardo Albinati, nato a Roma nel 1956, è uno scrittore e sceneggiatore italiano, vincitore del Premio Strega 2016 con il romanzo La scuola cattolica (Rizzoli). Albinati lavora attualmente come professore nel carcere di Rebibbia, esperienza che egli stesso racconta nel Diario Maggio selvaggio (Mondadori, 2001). Famosi sono alcuni dei suoi reportages dall’Afghanistan o dal Ciad, pubblicati nei giornali italiani più letti, come il “Corriere della Sera” e “La Repubblica”, e in quotidiani di fama mondiale come “The Washington Post”. Ha scritto sceneggiature cinematografiche per direttori del calibro di Matteo Garrone e Marco Bellocchio. Come scrittore fa il suo debutto nel campo letterario nel 1989, con il romanzo Il polacco lavatore di vetri (Longanesi). Nel 2004 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Svenimenti (Einaudi). Nel 2006 scrive con Filippo Timi, pubblicata da Fandango, Tuttalpiù muoio e nel 2011 Vita e morte di un ingegnere (Mondadori). Pubblica anche alcune antologie di poesie: Elegie e proverbi (Mondadori, 1989), e Sintassi italiana (Guanda, 2002). Nel 2016, con il suo ultimo romanzo, intitolato La scuola cattolica, vince il premio più importante per la letteratura italiana, il Premio Strega.

 

La scuola cattolica

Roma, anni Settanta: Roma, anni Settanta. Un quartiere residenziale, una scuola privata. Sembra che nulla di significativo possa accadere, eppure, per ragioni misteriose, in poco tempo quel rifugio di persone rispettabili viene attraversato da una ventata di follia senza precedenti. Appena lasciato il liceo, alcuni ex alunni si scoprono autori di uno dei più clamorosi crimini dell’epoca, il “Delitto del Circeo”. Edoardo Albinati era un loro compagno di scuola e per quarant’anni ha custodito i segreti di quella “mala educación”. Ora li racconta guardandoli come si guarda in fondo a un pozzo dove oscilla, misteriosa e deforme, la propria immagine. Da questo spunto prende vita un romanzo, che sbalordisce per l’ampiezza dei temi e la varietà di avventure grandi o minuscole: dalle canzoncine goliardiche ai pensieri più vertiginosi, dalla ricostruzione puntuale di pezzi della storia e della società italiana alle confessioni che ognuno di noi potrebbe fare qualora gli si chiedesse: “Cosa desideravi davvero, quando eri ragazzo?”. Albinati traccia un ritratto dei “ragazzi bene” della Roma degli anni ’70: adolescenti alla ricerca di sé e di precisi modelli di maschilità, in un universo ovattato, creato appositamente per proteggerli e tutelarli. Adolescenza, sesso, religione e violenza; il denaro, l’amicizia, la vendetta; professori mitici, preti, teppisti, piccoli geni e psicopatici, fanciulle enigmatiche e terroristi. Mescolando personaggi veri con figure romanzesche, Albinati costruisce una narrazione che ha il coraggio di affrontare a viso aperto i grandi quesiti della vita e del tempo, e di mostrare il rovescio delle cose.

 

 

ALBERTO ROLLO

 

rollo alberto

 

Alberto Rollo, nato a Milano nel 1951, è un editore, scrittore, saggista e critico letterario italiano. Attualmente lavora nella casa editrice Mondadori, nell’area narrativa. Rollo rappresenta una delle figure più importanti nell’universo editoriale italiano: è stato direttore della casa editrice Baldini+Castoldi, nonché responsabile del “De Bolsillo” e direttore letterario, per oltre vent’anni, della casa editrice Feltrinelli. La sua carriera come editore inizia alla fine degli anni Settanta, nella sede milanese della casa editrice Editori Riuniti, in quel periodo diretta da Giancarlo Ferretti. Durante gli anni Ottanta collabora frequentemente con le pagine culturali del giornale “L’Unità”, concentrandosi principalmente sulla letteratura anglosassone. In questa decade e nella successiva firma anche recensioni di libri, opere teatrali e film per i più importanti quotidiani italiani, nonché saggi su riviste (“Belfagor”, “Quaderni Piacentini”, “Ombre Rosse”, “Il Maltese”, Tirature). È stato co-direttore dell’importante rivista culturale “Linea d’ombra”, fondata da Goffredo Fofi. Traduce autori inglesi e nordamericani contemporanei, da Jonathan Coe a Harold Brodkey, ed è stato anche il traduttore dell’autobiografia di Frank Capra, Il nome sopra il titolo. Scrive per il teatro e ha realizzato vari documentari per la televisione. Il suo debutto nel mondo della narrativa –come autore- lo ha fatto nel 2016, con Un'educazione milanese (Manni Editori), vincitore del Premio Alvaro-Bigiaretti e del Premio Pisa, nonché finalista del Premio Strega, del Premio Stresa e del Premio Chianti.

 

Informazioni

Data: Da Dom 28 Ott 2018 a Mer 7 Nov 2018

Organizzato da : FILSA 2018

In collaborazione con : Instituto Italiano de Cultura de Santiago

Ingresso : Libero


Luogo:

Centro Cultural Estación Mapocho

1097